Prova Gratuita GDR
Google

Azienda italiana del settore con il più alto numero di recensioni

Prova Gratuita GDR
Google
Gocce di Rugiada
“Non esiste un pianeta B”
Giornata della Terra
22/04/2022

22 aprile 2022: giornata mondiale della terra.

La giornata mondiale della terra 2022, quest’anno come ogni anno dal 1970, si festeggia il 22 aprile. Ogni anno la giornata viene dedicata ad un tema preciso con moltissime iniziative ambientali che si svolgono in tutto il mondo a cui anche tu puoi prendere parte.
Quale sarà il tema principale di quest’anno? Scopriamolo insieme.

Giornata mondiale della terra: cos’è

La giornata mondiale della terra è stata istituita ben 52 anni fa per mettere in evidenza la necessità di conservare il più possibile le risorse preziose della terra e salvaguardare quindi il nostro pianeta. Tutte le persone, a prescindere dall’etnia, dal sesso, dal proprio reddito o provenienza geografica, hanno il diritto ad un ambiente sano, equilibrato e sostenibile, ecco perché la giornata mondiale della terra è così importante.
Negli anni questa giornata è diventata sempre più un evento educativo ed informativo dove parlare delle molteplici problematiche del pianeta come l’inquinamento, la distruzione degli ecosistemi, le migliaia di piante e specie animali che scompaiono, e l’esaurimento delle risorse non rinnovabili. In questo modo sempre più persone vengono educate al rispetto per il pianeta terra e alle pratiche per uno stile di vita sostenibile come il riciclo e l’utilizzo di fonti rinnovabili.

Una vera e propria “festa della terra” che nel corso degli anni è cresciuta coinvolgendo ogni anno oltre un miliardo di persone in tutto il mondo grazie soprattutto alla “Green Generation”, che mira ad un futuro libero dall’energia da combustibili fossili in favore di fonti rinnovabili, alla responsabilizzazione individuale verso un consumo sostenibile, allo sviluppo di una green economy e a un sistema educativo ispirato alle tematiche ambientali.

Invest in our planet

Ogni anno la giornata mondiale della terra ha un tema differente che evidenza una particolare problematica ambientale. Se nel 2021 il tema era Restore Our Earth, ripariamo il nostro pianeta, quest’anno il tema è Invest In Our Planet, investiamo nel nostro pianeta. Cosa vuol dire investiamo nel nostro pianeta? Il tema punta a sollecitare delle soluzioni per combattere la nostra più grande minaccia, il cambiamento climatico, e per chiedere a tutti (governi, cittadini e imprese) di fare la loro parte perché tutti sono presenti e tutti sono responsabili. Il tema della Giornata della Terra 2022 è incentrato sul coinvolgimento degli oltre 1 miliardo di persone per riconoscere la nostra responsabilità collettiva verso il pianeta terra e per contribuire ad accelerare la transizione verso la green economy. L’obiettivo principale è quello di mettere da parte le vecchie tecnologie dei secoli passati e reindirizzare l’attenzione verso la creazione di un’economia del XXI secolo che riporta in salute il nostro pianeta dopo anni di bui.
Tutto questo perché non esiste un’alternativa, un piano B: o ci prendiamo cura del nostro bellissimo pianeta o le conseguenze saranno nefaste per tutti.

Perché il World Earth Day è importante

Le giornate mondiali della Terra sono un ottimo promemoria globale per prendere coscienza delle proprie azioni e delle conseguenze, positive o negative, che possono avere. A volte basta poco davvero per fare la differenza. E le buone abitudini di uno, spesso esercitano una reazione a catena virtuosa sugli altri.
Nel corso degli anni, questo, come altri appuntamenti a sfondo verde, ci hanno fatto capire quanto i piccoli gesti siano alla base di un pianeta che torna a respirare. In un mondo di sprechi e di eccessi, ci è stato indicato un modo per essere virtuosi. Ma senza fare grandi cose, piuttosto diventando bravi a non commettere sempre gli stessi errori.

Diventiamo “sostenibili” nella vita quotidiana

– Al bar o al ristorante chiediamo l’acqua del rubinetto.
– Acquistiamo e regaliamo una borraccia da riempire con l’acqua per ridurre l’utilizzo dei contenitori in plastica.
– Quando facciamo la spesa, o ordiniamo al ristorante, pensiamo a quella che Legambiente definisce la nostra “impronta idrica”: i litri d’acqua utilizzati nella produzione degli alimenti e delle bevande che consumiamo. Per produrre 1 chilo di carne di bovino servono 15.400 litri di acqua; la stessa quantità di carne di maiale o di pollo richiede circa 4.000 litri. Un chilo di caffè equivale a 16.000 litri di acqua; per una pizza margherita di 700 grammi fino a 1.200 litri; per un chilo di pasta 1.900, per un chilo di patate 800, per un chilo di arance 460.
– Non sprechiamo la carta: per un foglio A4 avremo utilizzato fino a 10 litri di acqua. Invece di farli tagliare, piantiamo gli alberi: le piante purificano le acque piovane e migliorano la qualità dei terreni e delle falde acquifere.
– Spegniamo le luci. In casa c’è spesso un sovraccarico di fonti elettriche. Dagli elettrodomestici, accesi o in standby, fino alle lampadine, il consumo energetico non incide solo sulla bolletta. L’uso moderato dell’elettricità, l’acquisto di elettrodomestici di classe energetica dalla A+ in su, come quello di lampade LED a basso consumo, aiuta a risparmiare e protegge il Pianeta.
– Facciamo la raccolta differenziata. Da qualche anno a questa parte le nostre città sono diventate attente allo smaltimento dei rifiuti, grazie alla raccolta differenziata comunale. Tale pratica, se seguita ed eseguita correttamente, permette di smaltire i rifiuti nel modo giusto, risparmiando le risorse e riducendo l’inquinamento.

Altro da leggere …