Prova Gratuita GDR
Google
Prova Gratuita GDR
Google
Gocce di Rugiada
Microfiltrazione o osmosi inversa?
Microfiltrazione
12/10/2022

L’installazione di un purificatore dell’acqua domestica è la soluzione più economica e salutare che tu possa scegliere.
I sistemi per il trattamento dell’acqua rispondono a molteplici necessità di avere acqua libera da sostanze e microorganismi nocivi.
Per valutare la miglior acqua da bere bisogna valutare parametri come residuo fisso, durezza dell’acqua e microorganismi e altre sostanze inquinanti come nitriti e nitrati.

GDR Italia propone ai suoi clienti due tipologie di soluzioni per la filtrazione dell’acqua:
la Microfiltrazione e l’Osmosi inversa.
Valutiamone assieme le differenze per capire quale impianto per migliorare l’acqua potabile scegliere.

Sistemi di microfiltrazione

La microfiltrazione:

  • Elimina qualsiasi particella superiore a 0,5 micron
  • Elimina batteri, metalli pesanti, cloro in eccesso, atrazina, pesticidi ed idrocarburi
  • Se l’acqua non presenta inquinanti in concentrazioni pericolose, garantisce ottima acqua potabile a basso costo

La microfiltrazione garantisce l’assenza di microrganismi nocivi, senza alterare però la composizione di Sali minerali presenti nell’acqua.

Sistemi ad Osmosi Inversa

L’osmosi inversa:

  • Elimina le particelle inquinanti fino ad un decimillesimo di micron, garantendo purezza chimico-fisica e batteriologica
  • L’acqua viene pressurizzata contro una membrana ad uso alimentare, la membrana semipermeabile, che impedisce il passaggio di gran parte dei sali minerali. L’acqua che oltrepassa la membrana sarà perfettamente depurata.

Con l’Osmosi inversa, la filtrazione permette di abbattere quasi la totalità delle sostanze disciolte in acqua, ottenendo un’acqua con un residuo fisso molto basso. Questo sistema è molto utile in caso di acque particolarmente dure o ricche di sali, oppure con alti valori nitrati.

Osmosi inversa e microfiltrazione: quale scegliere

Per orientarsi sulla scelta, tutto dipende dalle proprie esigenze. L’osmosi inversa abbatte tutte le sostanze impure presenti, ed è la scelta migliore se si ha bisogno di bere un’acqua molto leggera.
La microfiltrazione è meno costosa rispetto alla precedente. Si tratta di un sistema che dà buoni risultati, ed è in grado di migliorare notevolmente il sapore e la composizione organolettica dell’acqua.
Entrambe le soluzione eliminano il fastidioso sapore di cloro, tipico dell’acqua del rubinetto.

Conclusioni

In questo articolo abbiamo analizzato le caratteristiche principali e le differenze tra sistemi di microfiltrazione e ad osmosi inversa. Anche un’altra puntata del nostro blog è terminata.

Segui i nostri canali Instagram e Facebook per rimanere aggiornato su tutte le novità!

* “depuratore” è un termine usato nel gergo parlato dai non addetti ai lavori per descrivere un’apparecchiatura per il trattamento domestico dell’acqua potabile. Tale termine non è riconosciuto dal Ministero della Salute in quanto troppo generico.

Altro da leggere …

Acqua del rubinetto: si o no?

Acqua del rubinetto: si o no?

È arrivato il momento di fare chiarezza: l’acqua che esce dal rubinetto della cucina, è buona o no? A onor del vero, per legge, è controllata continuamente. L'attuale normativa europea, infatti,...

leggi tutto